lunedì 4 maggio 2020

#parolamia Non è facile, di Emma




Non è facile, non lo sarà mai, ma ciò che in questo momento riusciamo tutti a comprendere sé che nulla è scontato. 
Non è scontato andare a scuola tutte le mattine e vivere la propria routine: chi si sveglia alle 6 per prendere l’autobus o chi ancora con la brioche in mano varca la soglia della porta o addirittura chi non ha sentito la sveglia e in ritardo corre per i corridoi. 
No, questo non è scontato.
Come non è scontato andare al parco per stare su una panchina e vedere le coppie  abbracciate, rimanere colpiti dal  sorriso di un bambino mentre gusta il suo gelato panna e fragola e si sporca  tutta la maglietta e sua mamma si dispera, e ancora non è scontato vedere il ragazzo che indifferente, con le cuffie, porta a spasso il cane.
Non è sempre  così.
Non è sempre possibile passare i pomeriggi in biblioteca per studiare o almeno provarci, uscire e fermarsi in piazza a guardare le vetrine mentre i bambini corrono dietro ai piccioni.
E inoltre non sono scontate la discoteca del sabato sera, la pizzata con gli amici, vedere il tramonto in spiaggia, giocare a beach volley.
E sicuramente non sono certi i lunghissimi pranzi domenicali della nonna, le chiacchiere di mamma o le battute del papà.

Proprio perché ci stiamo rendendo conto che tutte queste cose non sono scontate, che la nostra libertà non è scontata, dovremmo apprezzare le piccole cose.


Emma

1 maggio 2020


Villa Torlonia, San Mauro Pascoli

Nessun commento:

Posta un commento

La nostalgia del mare, poesia anglosassone

Desiderio e mistero  I pensieri mi opprimono il cuore, mi spingono ad esplorare le profondità, il gioco delle onde aspre di sale, e il desid...