mercoledì 6 maggio 2020

#parolamia Commento a Una tomba per le lucciole, di Sofia





Finally got to experience fire flies last night. Wow. So pretty ...


Una tomba per le lucciole è uno dei film più maturi prodotti dallo Studio Ghibli, nonché uno dei più brutali. Racconta infatti le sofferenze di due fratelli rimasti soli durante e immediatamente dopo la seconda guerra mondiale. Sebbene non sia il primo film d’animazione che vedo al riguardo, e nemmeno il più violento, la visione è stata comunque un’esperienza dolorosa, ma proficua.
Il film non censura nulla, nemmeno i dettagli più spaventosi e strazianti, rappresentando esattamente la realtà. I protagonisti sono abbandonati da tutti, non solo dalla famiglia (i genitori sono morti e gli altri familiari non si curano di loro), ma anche dal mondo in generale. Ognuno, infatti, temendo per la propria sopravvivenza, concentra tutta la propria energia nella propria salvezza e non può occuparsi anche delle persone che lo circondano, atteggiamento naturale in una situazione di pericolo come la guerra, ma che non fa che aumentare le sofferenze degli indifesi. In questo caso, infatti, il fratello maggiore, Seita, lotta fino alla fine per salvare la sorellina, Setsuko, ma questo non basta: la storia finisce, come è avvenuto per molte vicende simili e reali, con la morte di entrambi (preceduta da un decadimento fisico e mentale minuziosamente descritto). Il vero nemico è la fame, che non viene spesso presa in considerazione nei racconti di guerra – che generalmente si concentrano maggiormente sulla violenza diretta – ma è particolarmente subdola e dolorosa, perché persiste anche una volta cessate le ostilità e colpisce per primi i membri più fragili dell’umanità, come, appunto, i bambini. L’intero film è una lunga agonia che trasmette con le immagini (il disegno, peraltro, è molto più realistico della media), le parole e semplicemente la regia la lenta distruzione di vite che non hanno potuto godere della serenità nemmeno nell’infanzia. L’unico raggio di luce è l’amore che i due fratelli provano l’uno per l’altro, ma neanche questo può salvarli dall’orribile verità in cui sono costretti a vivere. 
Come in tutte le guerre, è l’innocenza a morire per prima, spegnendosi lentamente come una lucciola o come la piccola Setsuko. Resta solo una speranza, quella di una nuova pace forgiata dall’amore, nella vita o – in questo caso – nella morte.
Sofia

2 maggio 2020

Nessun commento:

Posta un commento

La nostalgia del mare, poesia anglosassone

Desiderio e mistero  I pensieri mi opprimono il cuore, mi spingono ad esplorare le profondità, il gioco delle onde aspre di sale, e il desid...