domenica 28 giugno 2020

#diariodelgiorno 21 Chissà dove portano le finestre che si aprono sul nulla




Chissà dove portano le finestre che si aprono sul nulla,
se dietro ci sia un paesaggio di benedizione, anche se intorno pare solo rovina e distruzione e dimenticanza ciò che contorna;
aperta finestra
chissà se come ogni porta è apertura anch'essa consenta voli di rondini, fughe improvvise, salti di giovani, planare di gufi e civette e
passaggio di lucenti, luminose lucciole
che ti ricordano di non pesare i doni
e se hai chiesto qualcosa
sapevi
che il senso della risposta ti è sempre
imponderabile

M

1 commento:

  1. Dalla messa di Romena del 28 giugno 2020

    Io vorrei ringraziare questo virus, perché ci ha permesso di cominciare queste messe qui nel prato.
    E mi ricorda in fondo le parole di Gesù, ricordate quando arriva tanta, tantissima gente e gli apostoli dicono:
    "Non abbiamo da mangiare nemmeno per noi, mandiamoli via! Rimandiamoli a casa!"
    E Gesù dice:
    "No, sdraiateli nel prato e moltiplichiamo il pane per tutti."
    Ed è bello questo momento in cui credo che ognuno di voi, come me, ha fame di qualcosa, fame di vita, fame di bellezza, ha fame di amicizia.
    Abbiamo tutti fame, ed in questa fame, non puoi separare la gente, è una fame per tutti.
    Vedete, accogliere, come proviamo a fare qui a Romena, genera vita. Accogliere, genera futuro, spezza la vita monotona, noiosa, ripetitiva.
    È importante aprire le porte, perché se chiudi le porte, il dolore che hai dentro non esce, e la gioia non entra. Il peggio che puoi fare è chiudere le porte.
    Nella prima lettura troverete una donna che dona al profeta Eliseo piccole cose: gli dona un letto, un tavolo, una sedia ed una lampada, e questa donna, che gli dona semplicemente la sua casa, riceverà in cambio una vita intera: un figlio.
    E nel Vangelo Gesù dirà: "Chi avrà donato anche solo un bicchiere d'acqua fresca ad una persona, avrà capito la vita."
    Ricordate che domenica si parlava di quanto vale un passero, un capello del capo; oggi quanto vale un bicchiere d'acqua. Non c'è nulla di troppo piccolo per il Vangelo.
    Allora lasciamo un pò di silenzio e torniamo, come fa Dio, ad amare tutti i dettagli della vita: un capello, un passero sul ramo, un bicchiere d'acqua.

    (Luigi Verdi)
    Da Fraternità di Romens

    RispondiElimina

La nostalgia del mare, poesia anglosassone

Desiderio e mistero  I pensieri mi opprimono il cuore, mi spingono ad esplorare le profondità, il gioco delle onde aspre di sale, e il desid...