mercoledì 24 giugno 2020

#diariodelgiorno 17 Ulisse

C'è a Forlì una bella  mostra su Ulisse.
Ora, non è che io sia mai stata una sua grande fan. Avrebbe potuto spicciarsi un po' di più a tornare a casa, e poi quel codazzo di donne sedotte e abbandonate...Insomma, non è mai stato il mio topos d'uomo da ammirare e magari amare.
Però poi c'è stato Dante, e visto attraverso gli occhi di Dante già assumeva un'aura più intrigante.
Poi c'è stato Alekos, con una nuova Itaca.
Poi c'è stata la vita, e anche io non sono tornata subito dove dovevo, tante volte. Anche io tante volte ho voluto sentire, provare, vedere a tutti i costi.
Ci si avvicina anche ai lontani.

**

La mostra è bella, andatela a visitare!



**


Ulisse in Dante, Saba, Kavafis da L'ottavo




Quando sbarcasti a Itaca
che tristezza avrai provato, Ulisse!
Altra vita avevi dinanzi
perché arrivare tanto presto?

Senza più scopo restavi
da grande diventavi piccolo
"Se Itaca fosse più lontana"
credo che tu mormorassi
e una nuova Itaca non volesti cercare
per paura di giungere
anche là troppo presto

Dovevi cercare all'inizio
un'Itaca tutta diversa
un'Itaca bella e lontana
che a raggiungerla
non ci prova un uomo soltanto

Questa non era la tua
perché tu solo la desideravi
Se fu vista da tanti così bella
il merito è d'Omero


Alekos Panagulis

Nessun commento:

Posta un commento

La nostalgia del mare, poesia anglosassone

Desiderio e mistero  I pensieri mi opprimono il cuore, mi spingono ad esplorare le profondità, il gioco delle onde aspre di sale, e il desid...